Cittadinanza Attiva Molise
Home page Comunicati Io cittadinoattivo? Tribunale per i diritti del malato Giustizia per i Diritti Procuratori dei cittadini
Eventi Chi siamo Dove siamo Scuola di cittadinanza attiva

Giustizia per i Diritti

CARTE DEI DIRITTI

 

Costituzione parte Civile

Dopo gli eventi sismici che hanno scosso il Molise è dovere dell'Associazione sostenere ogni azione giudiziaria diretta a contrastare le condotte illecite  che mettano in pericolo l'incolumità dei cittadini, specie se minorenni. E' per questo che la rete Giustizia per i Diritti ha presentato in aula la costituzione di parte civile per l'associazione “Cittadinanzattiva Molise” nella vicenda giudiziaria che ha riguardato la scuola di Fossalto.

I fatti risalgono agli anni compresi tra il 2006 ed il 2009 quando, in seguito del terremoto che aveva colpito il Molise, furono erogati finanziamenti pubblici al Comune di Fossalto al fine di eseguire lavori di adeguamento sul proprio edificio scolastico ed evitarne, in caso di nuove scosse, il crollo. Ad essere incaricata del lavoro fu una ditta di Campobasso e all’esito dell’intervento gli alunni e le maestre tornarono a frequentare l’edificio. Lo stabile in realtà non avrebbe ricevuto alcun intervento migliorativo, anzi sembrerebbe che un adeguamento sismico con relativo collaudo non si sia mai realizzato e che la scuola fosse ancora strutturalmente inagibile.

All’esito dell’inchiesta l’edificio è stato sequestrato e gli amministratori dell’epoca, tre tecnici e il titolare della ditta che eseguì i lavori, sono stati imputati dei reati di pericolo di disastro colposo, truffa aggravata, falsità ideologica e abuso d’ufficio.

Per questo l’Associazione “Cittadinanzattiva Molise”, che ha sempre operato in tema di sicurezza nelle scuole, anche attraverso specifiche campagne sul territorio nazionale, si è costituita parte civile. La richiesta è avvenuta soprattutto in riferimento al reato p. e. p. dall'art. 434 c. p., ossia "Crollo di costruzioni o altri disastri dolosi". Ciò atteso che gli imputati avrebbero lasciato la scuola di Fossalto in uno stato di pericolo eseguendo solo parzialmente i lavori di adeguamento sismico progettati e finanziati dalla Regione Molise, riaprendo l'edificio per l'ordinaria attività scolastica. Queste condotte sono ancor più gravi se si pensa che fanno riferimento ad un momento storico successivo alle tragiche vicende di S. Giuliano di Puglia.

 

 

Ricorsi T.A.R.

Cittadinanzattiva ha proposto ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale per il Molise, contro la Regione Molise, avverso il rigetto dell’istanza di accesso civico presentato per ottenere le informazioni contenute nell’Anagrafe dell’Edilizia Scolastica, prevista dalla Legge 23 del 1997, art. 7 e di quelle raccolte attraverso la mappatura degli elementi non strutturali prevista dall’Intesa della Conferenza unificata del 28 Gennaio 2009 “Linee guida per il rilevamento della vulnerabilità degli elementi non strutturali nelle scuole”, nonché alle informazioni analitiche relative a:

- presenza delle certificazioni di agibilità statica, di adeguamento sismico, igienico-sanitaria, prevenzione incendi relativa a tutte le sedi scolastiche site nella Regione Molise in maniera disaggregata, divise per province;

- mappatura delle barriere architettoniche non solo all’accesso dell’edificio ma anche nelle aule e nei diversi servizi didattici con indicazione di presenza di bagni per le persone con disabilità motorie o, almeno da essi effettivamente utilizzabili;

- elenco degli interventi effettuati e da realizzare, relativi alla rimozione di amianto all’interno degli edifici scolastici;

- presenza o meno del Documento di valutazione dei rischi e del Piano di evacuazione;

- nonché ogni altra informazione disponibile presso i competenti uffici regionali riguardanti la sicurezza e l’accessibilità degli edifici scolastici di ogni ordine e grado situati nella Regione Molise.

Purtroppo, durante la procedura giudiziaria avviata, quest’Associazione ha dovuto prendere atto come la Regione Molise non ha ancora provveduto a fornirsi della documentazione richiesta.

Sentenza TAR Molise del 25.07.2014

 

Home  |  Comunicati  |  Io cittadinoattivo?  |  Eventi  |  Chi siamo  |  Dove siamo
Tribunale per i diritti del malato  |  Giustizia per i Diritti  |  Scuola di cittadinanza attiva  |  Procuratori dei cittadini
Realizzato da  
     

Cittadinanzattiva Molise Onlus – Via Cirese c/o Terzo Spazio – 86100 Campobasso – C.F. 92020220700 – © 2014 Tutti i diritti riservati